Se ti chiedessi come vengono letti i tuoi contenuti mi sapresti rispondere? Sai quant’è il tempo medio di permanenza dei lettori sugli articoli del blog e sai quali sono le tue fonti di traffico principali? Ma soprattutto, ti sei mai chiesto qual è la percentuale di lettori che naviga tra le tue pagine da un dispositivo mobile?

Nel 2015 il numero delle ricerche fatte da mobile ha superato quelle fatte da desktop. Questo dato ci dice che sempre più persone usano i motori di ricerca da smartphone e tablet, leggono contenuti e condividono informazioni e notizie sui social network senza passare da un computer. Se non vuoi perdere traffico devi far sì che la tua strategia di contenuti tenga presente il comportamento dei lettori. Tutti siamo abituati a consumare contenuti via mobile, perciò i nostri testi devono essere pensati per il mobile. 

Pensa mobile first

Si solito di parla di un approccio mobile first in ambito di web design. Dal momento che la percentuale di chi usa smartphone e tablet sta superando quella di chi si collega tramite computer, non si può fare a meno di avere un sito internet i cui contenuti si adattino alle diverse dimensioni dello schermo. Avere un design responsive vuol dire offrire alle persone un’esperienza di navigazione ottimale, indipendentemente da qual è il dispositivo usato.

Cosa significa pensare mobile first quando si parla di contenuti? Significa chiedersi in che modo sarà letto, sin dal momento in cui si pensa a quale tipo di contenuto creare. Se almeno metà delle persone che navigano lo fa da un dispositivo mobile sarebbe una follia non tenere in considerazione questo dato.

L’indagine Digital in 2016 di We are social ci dice che, rispetto allo scorso anno, il numero di persone che usa i dispositivi mobile è cresciuto del 4% ed è salito del 17% il numero delle persone che usano smartphone e tablet per accedere ai social media in tutto il mondo. In Italia sono 24 milioni le persone che usano un dispositivo mobile per accedere a internet. Se pensi che in totale gli utenti delle rete italiani sono 37,7 milioni puoi intuire quanto la fetta di persone che usa telefono e tablet per leggere le email, consultare i social o cercare informazioni online non sia da trascurare.

Ovviamente, questi sono dati generali e, per trovare dati rilevanti per la tua realtà dovrai tener conto delle caratteristiche specifiche del pubblico a cui ti rivolgi. Fascia di età e condizione economica del tuo target, oltre al settore in cui operi, influiscono sul peso che rivestono le connessioni da mobile sul tuo sito. Ma in linea di massima, è doveroso pensare mobile first.

Quando penserai al prossimo contenuto del tuo blog o alla tua prossima newsletter, immagina come sarà visualizzato dalle persone. Con quale dispositivo lo leggeranno? In che momento della giornata?

Crea contenuti facili da leggere in ogni contesto

Leggere un post o una newsletter in treno o in metro non è una condizione ottimale, ma probabilmente molti dei tuoi lettori arrivano sul blog mentre stanno andando al lavoro o stanno tornando a casa. È tuo compito scrivere contenuti facili da leggere anche in un contesto rumoroso e affollato.

Ancora una volta, è il modo in cui presenti il contenuto che ti aiuta a rendere più semplice la vita del lettore. Già a prima vista il post di un blog, il testo di una newsletter o una landing page devono apparire leggeri, con una buona dose di spazi bianchi e di elementi che colpiscono l’occhio del lettore, come immagini, passaggi evidenziati in grassetto o blocchi di testo in evidenza.

Quando progetti un contenuto testuale, assicurati di inserire più livelli di lettura. Crea cioè dei percorsi di lettura alternativi rispetto a quello tradizionale che parte dalla prima parola in alto a sinistra e si conclude con l’ultima parola in basso a destra.

Un primo livello di lettura è dato da titolo e sottotitoli della pagina. Scorrendo con gli occhi solo questi elementi del contenuto, il lettore è in grado di farsi un’idea di cosa hai scritto? Quando crei i contenuti devi sempre metterti nei panni del lettore e cercare la soluzione migliore per trasferirgli le giuste informazioni nel modo più chiaro possibile. Sfruttare i sottotitoli è uno dei modi più semplici che hai per dire immediatamente quali sono le informazioni più importanti.

Un secondo livello di lettura è formato dagli elementi della pagina che hai evidenziato in grassetto. Anche in questo caso accertati che isolando le parole evidenziate il lettore riesca a cogliere il senso generale del tuo testo. Non limitarti a mettere in grassetto le sole parole chiave, ma non cadere nemmeno nella tentazione di evidenziare intere frasi o interi passaggi del testo. Usa il grassetto per sintetizzare i passaggi più importanti: in questo modo farai felice chi ha solo pochi secondi per leggere il tuo contenuto.

Inserisci nel testo sommari, abstract ed elenchi per far risaltare i concetti più importanti. Se il sommario e l’abstract all’inizio del testo ti permettono di anticipare al lettore cosa troverà nelle righe successive, gli elenchi ti permettono di presentare informazioni e dati in un modo chiaro e facile da ricordare. In più, tutti questi elementi spezzano il ritmo visivo del testo e attirano naturalmente gli occhi.

Di’ tutto quello che hai da dire

Non pensare che l’uso degli smartphone significhi necessariamente dover scrivere poco. Il potere di attrazione dei lettori, anche di quelli che usano i dispositivi mobile, non sta nella lunghezza o nella brevità del testo, ma piuttosto nella sua capacità di intrattenere, informare, catturare l’attenzione.

I testi lunghi funzionano in modo ottimo anche quando si legge su schermi piccoli, purché siano ben strutturati. Bisogna ideare ciascun contenuto pensando a come apparirà sui dispositivi mobili. Se il template del tuo blog è responsive sei già a metà dell’opera: non ti resta che progettare e scrivere i contenuti facendo attenzione a introdurre più livelli di lettura e a porre una speciale cura alle prime frasi.

Presta particolare attenzione all’incipit: le prime parole non sono importanti solo perché da loro dipende la decisione di proseguire o meno nella lettura, ma anche perché sono la prima porzione di testo che viene mostrata sullo schermo dello smartphone. Approfittane per usare espressioni brillanti, per coinvolgere il lettore e per trascinarlo dentro al resto del contenuto. Una volta che hai la sua attenzione, fai in modo di non perderla dopo poche righe. Mantieni alto l’interesse: i tuoi migliori alleati sono i contenuti leggibili e rilevanti.

The following two tabs change content below.
Sono Luana Galanti e mi occupo di web writing e content marketing. Nel mio lavoro scelgo con cura le parole da usare e creo testi che comunicano l'unicità e il valore delle aziende e dei professionisti con i quali collaboro. Qui parlo di web writing, content marketing e comunicazione online. Ti assicuro che nessuna metafora è stata maltrattata durante la redazione dei post.

Ultimi post di Luana Galanti (vedi tutti)